Site Loader
via Caronti 5, 22026 Maslianico (CO)

La regolazione delle emozioni implica l’attivazione di nuove risposte emotive o la variazione di quelle già in atto in modo da esprimere il comportamento ritenuto più adeguato alle condizioni ambientali. Le complesse connessioni tra le strutture nervose permettono la regolazione delle emozioni sulla base sia di meccanismi cognitivi automatici, sia di processi strategicamente guidati.

È possibile ipotizzare che la regolazione delle emozioni sia fondata sul funzionamento di una rete neuronale deputata a modulare gli stati emotivi, senza che possano essere individuate singole sedi anatomiche responsabili di una specifica risposta emozionale.

Quello che differenzia grandemente le risposte emozionali tra loro è l’interpretazione soggettiva della loro valenza affettiva che corrisponde a pattern diversi di attivazione cerebrale. Tali pattern sono modulati dalle interconnessioni tra tutte le strutture della rete; ciò consente di regolare gli stati emozionali in funzione delle condizioni interne ed esterne alla persona, e permette una mediazione del comportamento ai fini di un miglior adattamento all’ambiente. L’azione regolatrice delle aree orbito-mediali si svolge attraverso un delicato processo di selezione di comportamenti che implica l’inibizione o la liberazione di condotte comportamentali e la modulazione di stati interni o comportamenti facciali e motori.

I processi di regolazione emozionale agiscono automaticamente (habitual emotion regulation) perché fondati su meccanismi cerebrali connessi allo stile emozionale. Tuttavia, le risposte emozionali possono esssere modulate anche attraverso l’uso di strategie emozionali fondate su processi cognitivi (reappraisal), grazie alla capacità delle regioni prefrontali di influenzare la reattività dell’amigdala e, dunque, di regolare le emozioni.

A cura di Brasi C.

Abler B., Hofer C. e Viviani R. (2008):”Habitual emotion regulation strategies and baseline brain perfusion” in Neuroreport, 19, pp. 21-24.
Bamks S.J., Eddy K.T., Angstadt M., Nathan P.J., Phan K.L. (2017): “Amygdal-frontal connectivity during emotion regulation” in Sociali
Cognitive and Affective Neuroscience, 2, pp. 303-312. Gross J.J. (1998): “Antecedent-andresponse- focused emotion regulation: Divergent consequences for experience, expression, and pshysiology”, in Journak of Personality and Social Psychology, 74, pp. 224-237. – (1998): “The emrging field of emotion regulation. Aj integrated review” in Review of Genreal Psychology, 2, pp. 271-299.
– (1999): “Emotion regulation: Past, present, future” in Cognition and Emotion, 13, pp. 551-573. – (2001):”Emoyion regulation in adulthood: Timing is everything” in Current Directions in Psychological Science, 10,l pp. 214-219. – (a cura di) (2007): “ Handbook of emotion regulation”, New York, Guilford. – (2008): “Emotion regulation”, in Handbook of emotions, III ed., a cura di Lewis M., Haviland-Kones J.M. E barrett L.F., New York, Guildford, pp. 497-512. Grossi D., Trojani L. (2009): “La regolazione delle emozioni”, a cura di Matarazzo O., Zammuner V.L., Ed. Il Mulino, Bologna.

Post Author: admin